Mario Gennaro - Official web/blog online

Notte Stellata

mario-gennaro-notte-stellata

Anno di produzione: 1889
Dimensioni: 73×92 cm
Dove si trova: New York, Museum of Modern Art

Il quadro come indicato nelle caratteristiche sovrastanti si trova attualmente in uno dei musei più famosi del mondo, ovvero il Museum of Modern Art e rappresenta uno dei più grandi prodotti di questo artista. Il quadro ha ricevuto dalla critica un apprezzamento unanime, e oggi cercheremo di capire qual’è il senso e la tecnica che si trova dietro questo grande quadro.

Sappiamo veramente poco riguardo il legame tra Van Gogh e la notte stellata, poiché l’artista spediva periodicamente delle lettere al fratello Theo dove raccontava delle sue opere e della sua vita; all’interno di queste missive solo un paio di volte viene accennata questa opera e sempre di sfuggita, creando un grande alone di mistero attorno al quadro. Forse questo è proprio uno dei motivi che ha permesso all’opera di essere così affascinante.

All’interno di una lettera l’artista spiega la sua concezione della notte, definendola viva e molto più colorata rispetto al giorno e proprio nella notte stellata cerca di mettere in risalto la vita angosciosa e turbolenta che lega alla notte. In una prima occhiata, si nota molto rapidamente che il soggetto è un piccolo borgo di notte e con alcuni elementi naturali sullo sfondo.

Tra tutti troneggia il campanile della chiesa, elemento caratteristico dell’Olanda che tra l’altro è anche la patria di Vincent Van Gogh; quest’opera differentemente da molte altre è stata dipinta dall’artista semplicemente grazie ad un ricordo impresso nella sua mente e non utilizzando la tecnica en plein air tipica della scuola artistica dell’Impressionismo.

Forse proprio a causa di questo piccolo cambiamento si può notare che questo dipinto è “meno realistico” rispetto ad altri, poiché l’immagine è stata alterata dalla mentalità dell’artista stesso, portando una semplice illustrazione realistica ad una visione personale del luogo.

La notte stellata è composta in modo molto semplice, poiché il cielo occupa gran parte della tela stessa, e il resto invece è occupato unicamente da tutti gli elementi del borgo e della natura stessa; in questo quadro sembra che si contrastino come in una battaglia costante la tranquillità del piccolo borgo e la forza motoria del cielo, in costante movimento.

I colori utilizzati da Van Gogh all’interno di questo quadro sono ricchi, duri e violenti, senza sfumature o cambi di tonalità, che esprimono fortemente il contrasto accennato poc’anzi. Le stelle nel cielo dominano staccandosi in modo deciso dal colore del cielo che ricopre gran parte del quadro; ci sono colori chiari che vanno dall’azzurro al violetto passando anche ad un blu molto forte che predomina l’intera composizione.

Utilizzando anche diversi elementi di giallo, arancio e bianco in la notte stellata vince tutta l’atmosfera della notte, con i suoi colori particolari che non potrebbero essere trovati in nessuna altra parte. Le stelle stesse, grazie alla propria grandezza e differenza dal cielo in cui “navigano” sembrano essere dei veri e propri punti a cui si possono aggrappare sia colore che pensiero.

Volendo analizzare questo quadro da un punto di vista astronomico, nel 1889, a cavallo tra Maggio e Giugno, lo scenario astrale era proprio come Van Gogh lo aveva dipinto in questo celebre quadro; questo lavoro si pone tra le più importanti immagini notte stellata.

Se sei interessato al meglio e non vuoi fermarti solo alla lettura della Notte Stellata di Van Gogh, e vuoi assolutamente scoprire tutto sui segreti e sulla vita tormentata di Van Gogh, allora il libro qui sotto è proprio quello che cerchi. Oltre a me, più di venti persone confermano che questo libro è rivoluzionario. Allora, cosa aspetti ad acquistarlo?

arteworld.it